Passa ai contenuti principali

Il libro che tutti i genitori dovrebbero leggere

“L’inizio è stato come uno schiaffo, tutto di un colpo mi sono resa conto che ero talmente immersa nel ruolo di madre da essermi dimenticata cosa significa essere bambina. Una doccia gelata che mi ha risvegliata.”
Sara, Varese



“Ho letto il libro insieme a mio figlio di 5 anni, ero convinto di leggere il libro a lui e per lui, tutte le sere una decina di pagine, le figure, le spiegazioni delle parole difficili. Il Piccolo Dreamer dà continui spunti che spronavano mio figlio a parlare, a raccontarmi delle sue emozioni e a chiedermi di me, non avevo mai avuto con lui un tale dialogo che non si è più interrotto. Grazie!”
Massimo, Milano

“Ho acquistato il Piccolo Dreamer, seguendo il consiglio di un’amica, prima di darlo a mia figlia ho voluto leggerlo io e ho capito tanti errori che come madre non mi rendevo conto di fare. Dovrebbe essere un libro per bambini ma lo ritengo un testo per adulti, ora vedo mia figlia di 12 anni con occhi diversi, e il nostro rapporto è migliorato tantissimo. Tutti i genitori dovrebbero leggerlo”.
Veronica, Genova

“L’esperienza del Piccolo Dreamer è stata fondamentale per la mia famiglia, grazie a quel libro i miei due figli hanno vissuto la separazione tra me e il mio ex-marito con una consapevolezza ed una serenità incredibili. Il libro mi ha fornito gli strumenti per parlare ai bambini nel modo corretto, la loro risposta mi ha commossa facendomi comprendere quanto poco conoscevo dei loro mondi interiori.”
Luisa, Torino




Ricevo decine di messaggi come questi da genitori sconvolti ma felici! Che dire?
Credevo di aver scritto un libro per bambini… ne ero convinta, ma da quando il libro è stato pubblicato a scrivermi, contattarmi e volermi nelle scuole sono i genitori. Genitori talmente entusiasti da smuovere montagne per far sì che io incontri i loro figli o per parlare con me, farmi domande e ringraziarmi.
Credevo di aver scritto un libro utile ai bambini, che li aiutasse a realizzare i loro sogni e invece quelli che ricominciano a sognare sono i grandi.
É commovente leggere i messaggi di questi genitori. Tanti mi scrivono che, presi dalla moltitudine degli impegni quotidiani tra casa, lavoro e famiglia, pur amando profondamente i loro figli, non riuscivano a entrare in un reale contatto profondo con essi. Avevano perso quello sguardo giocoso e felice che adesso permette loro di dialogare, di ascoltare e soprattutto di farsi ascoltare.


Tutto questo accade attraverso la semplice lettura del “Piccolo Dreamer”. Forse perché è un libro che fa tornare bambini, aprendo le porte del cuore, dando accesso a quei mondi interiori che ti rimettono in armonia con te stesso.
Grazie di cuore a tutti i genitori che mi scrivono e mi cercano…


Credevo di aver scritto un libro che avrebbe cambiato un po’ il mondo dei piccoli e direi che ci sono riuscita, la lettura del libro crea una trasformazione nell’adulto, un processo che lo aiuta nel suo ruolo famigliare, perché la felicità si conosce in primo luogo tra le mura domestiche e si sa che quando i genitori sono felici anche i bimbi lo sono!



Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…