Passa ai contenuti principali

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 


Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e difficile, si tratta di iniziare a esplorare la propria interiorità in totale sincerità, lasciando andare gradualmente paure e attaccamenti. Quando questo lavoro è condotto con onestà, nella maggior parte dei casi, l’operatore scopre che non gli importa nulla della maggioranza  di quegli scopi che inizialmente l’hanno avvicinato alla pratica.
Esiste un desiderio di praticare atti magici per  soddisfare i bisogni della personalità, raramente funziona e se lo fa, dura per poco tempo con grandissimi sforzi da parte di chi la esercita, quando siamo allineati con la reale Volontà, il concetto di sforzo svanisce dalle nostre menti.
La nostra mente ha creato per noi un mondo conflittuale e complesso, a causa della sua natura la nostra mente va dominata e addestrata a percepire la vita in maniera differente, quando questo lavoro viene fatto con costanza, l’operatore di Magia del Cuore trova nella sua stessa mente un’alleata preziosa, che lo aiuta a gestire la vita di ogni giorno. La mente però non può essere usata come strumento di conoscenza dei mondi del Cuore, quando viene abbandonata si apre uno stato di coscienza differente, nessuno sa spiegare esattamente cosa avviene ma la coscienza trova la strada al di là del pensiero.
Chiunque di noi sente dei richiami silenziosi e profondi, che spesso hanno a che fare con il donarsi, la maggior parte delle persone cerca una storia d’amore felice, perché il cuore sa che nel donarsi svelerà la propria gioia e felicità, altri trovano lo stesso stimolo in altre occasioni della vita. L’operatore di Magia del Cuore, allineato con la propria reale volontà si esprime nel dare, ma il dare in questo caso è molto lontano dall’accezione altruistica che viene intesa comunemente. Egli da’ a se stesso in primo luogo, mette la propria felicità al primo posto, sa che senza questa base non potrà essere di nessun reale aiuto a nessun altro essere vivente. Lavora incessantemente per armonizzare gli opposti in se stesso, per lasciar andare ogni giudizio, conosce gli elementi naturali e si lascia guidare da loro per essere in pace. 


Quando l’operatore di Magia del Cuore prende un reale impegno con se stesso la Magia invisibile ma tangibile comincia ad accadere, una volontà sopita e sconosciuta orchestra gli eventi della sua vita, scopre l’amore, la ricchezza e l’armonia, vestendole di nuove definizioni.
Fine prima parte.


Se desideri conoscere meglio questi argomenti, questa domenica 8 gennaio a Torino presso l’Associazione Crisopea ci sarà un nuovo incontro del “Laboratorio Magicofantastico” nel quale approfondiremo insieme le parti pratiche della Magia del Cuore.
Per tutte le info scrivi a:  vegaro24@gmail.com




Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…