Passa ai contenuti principali

"Lo specchio quantico" di Alberto Lori

Un’antica tradizione orientale parla di tre specchi che compongono l’immagine riflessa di una persona: il primo è come vedi te stesso, il secondo è come ti vedono gli altri, il terzo è lo specchio quantico dov’è riflessa la verità, come sei veramente.  
Gnôthi sautón”: erano le parole scolpite sull’architrave del tempio di Apollo a Delfi. “Conosci te stesso”, questo perentorio invito ripetuto spesso da Socrate nei suoi discorsi indica con chiarezza quale missione spetta a ogni essere umano dal momento in cui si affaccia alla vita. 
Qualunque conoscenza dell’uomo, mediata o immediata, non può prescindere dalla presa di coscienza di come funziona la mente, di come essa conosce e riconosce le cose. Comprendere questi meccanismi mentali significa cominciare a liberarsi dei propri condizionamenti e pregiudizi culturali di una vita intera, vuol dire togliere il velo di polvere che ricopre lo specchio quantico e che ci impedisce di vedere la vera fisionomia della nostra essenza.
          
                                                 


Psicoquantistica

La psicoquantistica rappresenta il superamento interdisciplinare di materie come la psicologia, la filosofia, le neuroscienze, la biologia, la meccanica dei Quanti. Psico Quantum consente di accedere in modo semplice ma esaustivo alla conoscenza del funzionamento del cervello, di come questo straordinario apparato processa le informazioni e crea il nostro “Modello della realtà”, il sistema operativo che decide chi siamo e saremo, che esistenza conduciamo e condurremo, almeno fino a quando non decideremo di cambiare, non i programmi che fanno girare il sistema, ma addirittura il sistema stesso. Dobbiamo renderci consapevoli che la nostra realtà non è frutto di circostanze indipendenti da noi, anzi siamo proprio noi a crearne i presupposti e che, se vogliamo davvero creare per noi stessi un futuro che non sia prosecuzione del passato, è necessario riprendere in mano il timone della nostra vita, liberandoci dalla schiavitù dei blocchi psicologici ed emotivi. Non solo, dobbiamo compiere un passo in più: sviluppare una visione più ampia di quella che prende a fondamento la nostra materialità. Ciascuno di noi è un sistema complesso fatto di energia e informazioni, fluttuante in un universo in continuo mutamento, in grado non solo di connettersi alle infinite possibilità del campo quantico, ma persino di riequilibrare quelle informazioni vibrazionali e energetiche che le nostre percezioni dell'ambiente hanno alterato. Le più recenti ricerche nel campo dell'epigenetica e della biologia ci stanno conducendo verso una nuova concezione della malattia e della guarigione. Oggi, grazie all'attivazione del comportamento cellulare e all'utilizzo del nostro potere di cambiare le percezioni è possibile ottenere un processo di guarigione in modo spontaneo.
"Ci sono due modi per vivere la vita: uno sta nel non credere nei miracoli, l'altro nel ritenere ogni cosa un miracolo". L'ha detto
Einstein. Gli possiamo credere.


Alberto Lori sarà a Torino il 25 aprile 2015, con un seminario dal titolo: "Lo specchio quantico". Per maggiori informazioni scrivere a:
vegaro24@gmail.com


Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…