Passa ai contenuti principali

Incantesimo dell’autenticità

Normalmente siamo talmente immersi nelle deviazioni delle nostre personalità, identificati con i ruoli che abbiamo nella società da non riuscire più a sentire la voce della nostra essenza autentica. E’ un fenomeno che ci crea un sacco di problemi: crediamo di desiderare qualcosa, diamo la nostra parola, facciamo un sacco di promesse, prendiamo impegni che entrano in conflitto tra loro perché qualcosa in noi cambia continuamente idea. 

Che cos’è questo qualcosa? O forse dovremmo dire chi è che ci porta da una parte all’altra come vela nella tempesta? La nostra mente non è qualcosa, ma qualcuno, anzi oserei dire che sono in molti a vivere nella nostra mente, tutti i nostri piccoli “io” si alternano parlando attraverso le nostre labbra e portando a spasso il nostro corpo. 
Credo che non sia difficile accorgersi di questo fenomeno: un esempio comune potrebbe essere quello dell’impegno, quante volte siamo certi di noi stessi e prendiamo un impegno con qualcuno? Poi col passare dei giorni e delle ore cominciano le voci nella testa: “non ho voglia di andare, magari rimando l’appuntamento, sono stanco” etc. e queste voci parlano continuamente, coinvolgendoci in ragionamenti che ci fanno perdere l’adesso portandoci lontani da noi. Quante volte diciamo: “non so neanche io quel che penso”, chiaramente una mente confusa porta a un’instabilità continua. Questo è comune alla maggior parte della popolazione mondiale, il che non significa che dobbiamo subire l’influenza di queste voci continue solo perché “le sentono tutti” chiamandole “pensiero”. 
Se ci pensate è difficile riuscire a comunicare con qualcuno quando la musica o i rumori di fondo sono molto alti, non riusciamo a sentire tutte le parole, i discorsi vengono spezzati, interrotti, a volte mal compresi. Allo stesso modo è difficile sentire le sensazioni e le emozioni che ci trasmette il nostro Essere se mentre cerchiamo di ascoltarlo la mente parla continuamente e noi le diamo corda pensando che quella radio mal sintonizzata sia il nostro pensiero.
Se in questi giorni state praticando l’incantesimo del post precedente: http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/04/incantesimo-della-creazione.html
vi sarete senz’altro accorti di quanti pensieri distruttivi si alternano durante le nostre giornate e di come modificando il nostro linguaggio possiamo modificare la nostra vita.

Oggi facciamo un passo in più, iniziamo a sentire quel che siamo in verità attimo per attimo, iniziamo a investigare e vivere la nostra autenticità, a percepire noi stessi e quel che ci circonda con il cuore vivendo le nostre sensazioni. 
La parola è composta da autòs (sé stesso) ed entòs (in, dentro) e quindi in senso più pregnante autentico può voler dire che autentico è ciò che si riferisce alla nostra vera interiorità, al di là di quello che vogliamo apparire o crediamo di essere
Mettiamo quindi l’attenzione sull’ascolto, e sottolineiamo che la nostra essenza autentica non è la “radiotesta” di turno, trattandosi di incantesimo partiamo come sempre con un’intenzione o affermazione, questa volta però non sarò io a fornirtela ma sarai tu a crearla, tenendo conto di quel che stai sperimentando tramite la modifica del tuo linguaggio. Se non hai ancora praticato l’incantesimo del post precedente, dedicati prima a quello e poi passa alla creazione di questo.
Creata l’intenzione, fai qualche bel respiro profondo e poi affermala a voce alta, ricorda che stai prendendo un impegno con te stessa, che sei perfetta così come sei e che questo è un gioco, un’esperienza per divertirti e conoscerti meglio, non puoi sbagliare perché qualsiasi cosa tu faccia è perfetta per te.
La seconda parte dell’incantesimo è una pratica, perché, come sai la magia è fare, un fare che è emanazione dell’essere, consiste nel dedicare cinque minuti al giorno all’ascolto delle tue sensazioni, le vibrazioni che senti nel corpo e annotarle su di un quaderno, semplicemente questo. Ricorda che le sensazioni non giungono a te sotto forma di parole quindi dovrai fare un piccolo sforzo per tradurle e descriverle. Nel prossimo post condividerò la terza parte della pratica ma è molto importante che questa settimana, tu faccia questo piccolo gioco magico senza distrarti con altro, ti stupirai di quel che sentirai dentro di te e della dolcezza che ha i suono della tu autenticità


Come sempre puoi scrivermi per raccontami come questo incantesimo ha reso speciali le tue giornate.

Buon Viaggio!



                                                                               

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…