Pagine

martedì 14 aprile 2015

Incantesimo dell’autenticità 2° parte (vivere i propri sogni)


Vivere i propri sogni è il desiderio cosciente di ciascuno di noi ma cos’è che fa sì che per alcuni questo desiderio diventi realtà e per altri no? In magia si dice che non esistono colori, non ci sono magie bianche, rosse o verdi ma magie che funzionano e magie che non funzionano, l’essenza dell’intento è determinata dal cuore dell’operatore, dalla sua purezza e dalla sua apertura. Il cuore è quindi il nucleo energetico, il motore che dà all’intento la forza necessaria ma i nostri pensieri e le nostre parole sono il veicolo attraverso il quale comunichiamo all’Esistenza i nostri sogni. In questa visione è chiaro che il lavoro magico è un lavoro a tempo pieno, creare un intento: “voglio essere felice” per un attimo e poi passare il resto della giornata a formulare pensieri distruttivi o “negativi” riguardo noi stessi, gli altri, il mondo non produrrà la felicità desiderata. Se hai praticato la prima parte dell’incantesimo dell’autenticità, ponendo attenzione alle tue sensazioni, ti sarai certamente accorta che non sempre il tuo essere vibra di gioia e piacere, e che spesso quando questo avviene non sai neanche spiegarne il perché. Dobbiamo sempre ricordare che siamo composti da una parte conscia e da una parte inconscia, mentre il conscio dorme, l’inconscio non dorme mai, è operativo 24h su 24 e lavora incessantemente, registrando suoni, sensazioni. Vivere in un ambiente ricco di suggestioni sonore dissonanti come quello delle nostre città non aiuta, per questo è necessario creare un proprio spazio armonico per ascoltarsi e respirare pace interiore. Ascoltare musica classica, non martoriare le proprie orecchie ed i propri occhi con zapping continuo tra radio e televisione è parte di un processo volto a ritrovare la propria autenticità. Ciascuno di noi, se è sincero con se stesso può facilmente comprendere cos’è che nelle proprie abitudini va modificato per non subire continue interferenze esterne anche quando ha tempo e modo di creare per sé un ambiente differente: per alcuni potrebbe essere la scelta di una musica diversa da ascoltare nei tragitti in automobile, per altri spegnere la televisione, per altri ancora cambiare la suoneria del proprio cellulare. Sperimentate, provate, cambiate e scoprite qual è l’ambiente ideale per voi. Spesso conoscerci davvero ci fa scoprire che c’è qualcosa dentro di noi che “SA” ciò che ci fa stare bene, essere felici e in armonia, dobbiamo solo fare lo sforzo di andare incontro a questo qualcosa e ascoltare quel che ci comunica.

Continuiamo in questo articolo l’incantesimo iniziato la settimana scorsa: http://vegagiorgiaroze.blogspot.it/2015/04/incantesimo-dellautenticita.html
Se non hai ancora praticato la prima parte dell’incantesimo per una settimana, dedicati prima a quello  poi prosegui con questa seconda parte.
Crea un ambiente armonico intorno a te con tutte le suggestioni che più ti piacciono: musiche o silenzio, profumi, piante etc., dedicati in questa settimana a rendere armonico ciò che ti circonda che sia in casa, in ufficio, e in tutti i luoghi in cui senti di poterlo fare. Una volta creato l’ambiente e sperimentata la pace interiore e l’armonia che provoca in te, focalizzati sull’intento di portare questa sensazione anche al di fuori degli ambienti preposti. Devi sapere che il cervello registra le sensazioni e tutte le suggestioni che sono abbinate alle sensazioni stesse, ad esempio se nel tuo ambiente armonico diffondi una determinata essenza, la tua mente la collegherà quel profumo alla sensazione di pace, portarla con te potrebbe esserti molto utile! Vedrai che il cambio di ambiente inizierà a dare forza ai tuoi sogni e sarà molto più semplice per te viverli.
Ricorda: conoscersi e intervenire sui propri stati interiori è magia pura, è operare consapevolmente in direzione della propria felicità in armonia con l’autentico intento del tuo cuore.
Buon Viaggio…




Come sempre puoi scrivermi per raccontarmi come questo incantesimo ha reso speciali le tue giornate. Grazie!