Passa ai contenuti principali

Incantesimo della Creazione

Imparare a parlare, comprendere la distinzione tra quel che è e quel che non è. Tutto quel che sappiamo di noi stessi molto spesso riguarda quel che ci raccontiamo, la verità è che tu sei il protagonista della tua storia e un personaggio secondario nella vita di coloro che ti circondano, non puoi conoscere davvero nessuno, sei privilegiato se in qualche modo conosci te stesso, la tua macchina, i viaggi della mente, le reazioni emotive dei tuoi corpi etc.                                                            
 Nel post precedente ho introdotto il concetto di “storia personale”, con questa definizione intendiamo tutto quel che ci raccontiamo su noi stessi e sugli altri attraverso il pensiero, i nostri pensieri sono fatti di immagini e parole, guardiamo queste immagini e le descriviamo senza sosta nella nostra testa. Vediamo immagini del passato, creiamo presenti alternativi, facciamo proiezioni del futuro, dialoghi, situazioni incontri, molto raramente utilizziamo il pensiero come mezzo per creare coscientemente o trovare soluzioni. Tutto quel che ci raccontiamo è la nostra storia, ma anche quel che ci raccontiamo sugli altri è la nostra storia, “la nostra storia degli altri” poiché davanti allo stesso evento ciascuno di noi racconterà una storia diversa, le storie possono essere simili tra loro ma mai uguali. Partendo da questa premessa fondamentale, possiamo facilmente renderci conto che “la storia personale”  è il nostro punto di vista filtrato e modellato da tutte le informazioni raccolte nel corso della nostra esistenza. Raccontiamo questa storia a noi stessi e la raccontiamo agli altri tramite le parole, possiamo quindi dire che le parole creano letteralmente la nostra realtà, per questo consiglio di scegliere sempre con cura i termini con i quali vi rivolgete a voi stessi e quelli con i quali vi aprite agli altri. Le parole che usiamo aprono scenari, evocano emozioni e ci permettono di comunicare con coloro che ci circondano, le parole sono quindi un’invenzione meravigliosa, ci permettono di creare la nostra vita in ogni attimo. La nostra vita è come un quadro e le parole sono i colori con i quali possiamo dipingerlo, se vogliamo creare un bel quadro useremo delle parole che ci piacciono, al contrario se diamo ascolto a tutte quelle voci mentali che dicono parole che ci danneggiano, che quadro avremo? 
Porre attenzione alle parole è una regola magica imprescindibile per la riuscita di quell’incantesimo meraviglioso chiamato vita. Usare la parola non per mentire a noi stessi, creare storie senza senso e danneggiarci ma farne tesoro per essere gentili con noi stessi, per descrivere la bellezza, la gioia dell’essere vivi. Prendersi cura del nostro linguaggio sia interiore che esteriore modifica di fatto la nostra realtà, determina la comunicazione con tutti coloro che ci circondano, per questo, se lo vogliamo, ci esprimeremo attraverso parole che affermano il nostro sentire profondo, tramite quella gentilezza innata che vive all'interno di ciascuno di noi, stabilendo una connessione tra mente e cuore.
Questa è magia pura.
 
 


                                            Incantesimo della Creazione

L’incantesimo che voglio consigliarti oggi si divide in tre parti, nella prima prendi un impegno con te stesso ad alta voce:
“In questo momento unico ed eterno, decido di usare la parola per creare e percepire la magia, e la bellezza che mi circondano.”

La seconda parte è una pratica, consiste nel mettere attenzione su quel che pensi e quel che dici, scrivendo su un foglio tutti i pensieri e frasi ricorrenti che pronunci che danneggiano te stesso e gli altri (ad es. "non sono capace", "non sono abbastanza" etc.), una volta fatto l’elenco modifica le parole che usi cambiando il loro significato e creando nuove frasi che mettano in evidenza la bellezza e la perfezione, la tua e quella di tutto quel che ti circonda compresi luoghi e persone.
La terza parte, anch’essa pratica richiede uno sforzo maggiore perché voglio che trovi il coraggio di scrivere un messaggio a 5 persone diverse, che sono importanti per te, nel quale dici loro quel che provi nei loro confronti facendo l’elenco di tutte le cose belle che riconosci nel loro carattere ringraziandole per essere nella tua vita.

Come sempre puoi scrivermi per raccontarmi come questo incantesimo ha reso speciali le tue giornate.


Buon Viaggio



Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

La leggenda delle fate dell’acqua

Un’antica leggenda narra la storia di una bambina che conosceva il segreto per comunicare con le fate dell’acqua, attraverso questa conoscenza, la piccola riusciva a far sì che ogni suo desiderio si avverasse. La bambina si chiamava Iris e viveva in una piccola casa di campagna, in compagnia di sua nonna e di tre gatti. La piccola trascorreva i suoi giorni nei campi e ogni giorno si recava al fiume per lavare i propri panni insieme alla nonna e alle altre donne del villaggio. Un bel giorno d’estate la nonna chiese alla piccola Iris di andare al fiume da sola, la calda temperatura estiva era troppo alta per l’anziana signora, le causava capogiri e svenimenti e per la prima volta Iris, presa la cesta della biancheria sporca si avviò in direzione del fiume, accompagnata solamente dai tre gatti che la seguivano ovunque; quale fu la sua sorpresa nel vedere che quel giorno non c’era nessun’altra donna. “Che strano, amici miei” disse ai suoi gatti “oggi non c’è nessuno, per la prima volta son…

Le schiavitù di una moderna donna occidentale

Viviamo un'epoca strana, ricca di contraddizioni nella quale quel che ci raccontano si scontra spesso con ciò che viviamo. L’educazione alla femminilità è un argomento sul quale poche donne si fermano a riflettere. Se facciamo un passo indietro, ai ricordi della nostra infanzia molte di noi avranno memoria dei primi vestitini e delle prime bambole, dei fiocchetti rosa e dei grembiulini. Fin da piccole ci è stato insegnato che una signorina non fa questo né quello, che deve essere gentile, accomodante ed educata. Siamo state abituate ad un occhio di riguardo ma anche ad una maggiore severità rispetto ai nostri compagni maschi. Quell’atteggiamento aggressivo che veniva tollerato nei bambini durante la prima infanzia subiva una totale repressione nelle bambine, così come ogni accenno di femminilità quale il semplice desiderio di una bambola per un maschio non veniva visto di buon occhio, poteva essere il primo segnale di una scelta sessuale differente in età adulta.


Tutto questo ci è s…