Passa ai contenuti principali

Chi si ostina a negare l'esistenza di un Maestro (guru vuol dire maestro in hindi) quando se ne trova uno davanti come può anche solo pensare di poter ascoltare quello che ha dentro?

Chi si ostina a negare l'esistenza di un Maestro (guru vuol dire maestro in hindi) quando se ne trova uno davanti, come può anche solo pensare di poter ascoltare quello che ha dentro? Questo concetto mi è sempre sfuggito. Mettiamola così: il Maestro non ha nulla che tu non abbia già in te stesso, ma se lo incontri e non riesci a riconoscere che lui è con tutto il suo essere, quella vocina che solo ogni tanto parla in te, che lui con un solo sguardo è capace di darti l'Esperienza. Sì, lui con uno sguardo può dartela..cos'è l'esperienza? Non si può descrivere ma, fidati,una volta che ne hai avuto un assaggio, scopo della tua vita diverrà ritrovarla in te. Una cosa importante, della quale si parla poco, è che il maestro ci serve vivo. Quando leggete le storie dei maestri conosciuti del passato, potete comprendere da voi che la loro sola presenza richiamava moltissime persone. Le parole e le tecniche che ci arrivano tramandate ne sono la prova. Ma le parole solamente non bastano,tranne in alcuni casi di persone già pronte a cui basta dare il la e sbam si illuminano o svegliano o chiamatelo come vi pare.
Leggo spesso qui persone che scrivono "non voglio guru", questo significa che non vuoi accanto a te persone che hanno già realizzato quel qualcosa che tanto aneli. Oppure..questo lo è ..quello no..solo perchè non corrisponde ai canoni che la tua mente ha deciso di attribuire al Maestro. Ora io ti chiedo di fare un passo indietro, ti chiedo di guardare gli uomini con gli occhi del cuore lasciando la testa fuori dalla porta. Ora ti chiedo di avere l'umiltà di scoprire il significato della parola darshan, la stessa che ti serve quando vieni a conoscenza di tecniche occidentali, ugualmente indispensabili.Un Gesù parlava alla gente e viene ancora ricordato, girava e portava il suo insegnamento per il mondo a lui conosciuto. Un Buddha stava fermo e te lo dovevi andare a cercare. Un Gurdjieff ha creato un metodo per l'occidente (lo stesso vale per Corwley), è una scuola dura quella della quarta via..non pensiate che sia semplice solo perchè gli esercizi cambiano...e così via..l'elenco dei maestri potrebbe protrarsi all'infinito. Il maestro ti serve vivo, ti auguro di incontrarne uno sui tuoi passi come è successo a me ti auguro di avere la forza di lasciare la tua testa ai suoi piedi e ti garantisco che da quel momento avrai accesso ad un mondo che ad oggi non sei neanche in gradi di immaginare. Sii sincero con te stesso e riconosci il Maestro quando ce l'hai davanti, lui non ha nulla che tu non abbia già ma se hai la presunzione di non averne bisogno la strada si farà ancora più lunga perchè come diceva Yogananda : "Il regno della mia mente è infangato dall'ignoranza." Scegli la scuola che preferisci, riconosci che ne te ne serve una. Questo è il primo passo. Il Maestro arriverà quando sarai pronto, non prima. Buon viaggio

Post popolari in questo blog

Chi crede nella magia è destinato a incontrarla!

Tutti dicono di voler essere felici, tutti dicono che darebbero qualsiasi cosa per esserlo, pochi ci provano veramente, tutti quelli che ci hanno provato sinceramente ci sono riusciti. Esattamente, chi desidera VERAMENTE essere felice ci riesce, nonostante le maree della vita, nonostante le delusioni, i momenti tristi e difficili, nonostante tutto si può essere felici in questi tempi bui. Non si tratta di pensiero positivo o di auto-inganno ma di vero lavoro interiore, con l’intento di trovare l’armonia. L’armonia è la chiave della felicità. Pensate alla musica, se qualcosa stona, se non c’è armonia non si può nemmeno parlare di musica. Così siamo noi, come delle sinfonie, se vogliamo essere felici dobbiamo trovare il giusto ritmo, le giuste note e le giuste parole per sentirci bene nella nostra vita. La magia ha tante forme e colori ma quella che voglio trattare oggi, è la semplice magia del cuore, magia intesa come uso della volontà per raggiungere un obiettivo predefinito. Essendo …

Incontrare la vita...

Quando si tratta di lavoro interiore non credo nel nuovo metodo nel quale un insegnante sale in cattedra, come a scuola, possibilmente su di un palco, tutti seduti a prendere appunti. Dall’inizio alla fine della giornata al massimo lo studente spirituale, che in questo caso prende il nome di “pubblico” (come al cinema), forse farà una domanda, tornerà a casa la sera con qualche intuizione, una bella registrazione e pagine e pagine di parole di un altro. Il giorno dopo si sentirà forte della nuova conoscenza ascoltata, dopo una settimana non ricorderà quasi più nulla in attesa del prossimo corso.Non credo nelle sale piene grazie a una buona campagna di marketing, credo nel passaparola di chi ha partecipato, attivamente, da maestro, (perché tutti siamo maestri di qualcosa per qualcuno), e ha ottenuto un risultato non un attestato. Credo nella forza della chiarezza, della sincerità e della condivisione e mi piace che i miei studenti/maestri si siedano come vogliono, sedia, cuscino, per t…

Come iniziare a praticare la Magia del Cuore

Quando si parla di atto magico si intende un qualsiasi atto di volontà mirato ad uno scopo precedentemente definito, in questo senso qualsiasi atto intenzionale portato a compimento più definirsi atto magico. I problemi sorgono quasi per tutti a causa della mancata comprensione della proprio reale volontà. Viviamo in un mondo nel quale siamo continuamente stimolati a desiderare qualcosa che non abbiamo e spesso tentiamo di usare tutta la nostra energia al fine di ottenere quel qualcosa, ma dato che quel qualcosa non è la nostra vera volontà, ma la risposta ad uno stimolo esterno, non riusciamo mai raggiungerlo. 

Il primo lavoro che deve fare la persona interessata a praticare la Magia del Cuore, è scoprire la propria reale Volontà, senza questo allineamento interno, qualsiasi tipo di operazione atta a portare cambiamenti profondi sarà inutile e porterà con sé frustrazione e tristezza. Scoprire la propria reale volontà, è già di per sé, un lavoro magico che alcuni trovano impegnativo e …